venerdì 26 giugno 2015

Prossima Recensione



Mi son ricordata che devo muovermi a finire il libro che sto leggendo perché tutti gli altri (che sono un po' sul comodino e il resto che attende nelle librerie) sono in protesta visto che aspettano da tempo.
Il libro non è di quest'anno, risale al 2010 (pare preistorico ed invece ha solo 5 anni) ed è uno di quelli comprato perché il titolo attirava (ora ci sto un po' più attenta, ma la fregatura è dietro l'angolo). 
Ha dovuto attendere un po' di tempo (credo 3 o 4 anni) perché dopo averlo preso è, sicuramente, uscita una novità che ho letto subito (come al solito) e così il libro è rimasto vittima della polvere sullo scaffale (ma che spolvero...li tratto bene i miei bimbi).
Le novità ti ingannano (a meno che non sei sicura, ma proprio sicura dell'autore e che non ti deluderà) come il nuovo libro (ormai vecchio) di Glenn Cooper, Dannati (il primo). 
Incredibile, ma vero non l'ho ancora finito anzi, l'ho lasciato lì dopo aver letto, a fatica, i primi quattro o cinque capitoli.
E non è colpa dell'ebook perché ho già letto e finito due libri. 
Certo, la mia lettura degli ebook non è veloce come quella dei libri cartacei, ma non sono una lumaca. 
Uno degli ebook letti, l'ho finito in giornata ma era il nuovo libro di Erri De Luca, “La parola contraria”, un pamphlet e come tale corto.
Ma dannatamente il libro primo della nuova trilogia (oh cavolo!) di Cooper non sono riuscita a finirlo!
Ora è uscito il secondo, ma non mi faccio impressionare, attendo.
Nel frattempo devo finite la lettura de “Il labirinto dei libri segreti” anche perché devo capire dove vogliono andare a parare i due autori!
E' un libro Newton, un libro dei tempi d'oro Newton...tempi d'oro dello “sforna sforna libri”!
Io credo che si debba leggere un po' tutto, tranne roba di persone che non sanno neanche dove sta di casa la scrittura (come Fabio Volo che scrive minchiate che arrivano ai suoi lettori. Un “autore” che non ha continuato gli studi superiori perché odiava lo studio.) e certi “autori” (per fortuna non tutti) Newton sono di quella risma!
Non si può essere nemmeno tanto selettivi come certe persone che credono di essere dei critici letterari senza titoli!
Li senti parlare e li guardi mentre fanno la ruota da pavoni e si sentono tronfi del loro alto sapere (forse perché parlano dal quarto piano!).
Modestia gente, modestia. In molti si son dimenticati di questo pregio! 
Una persona che mi critica, ad esempio, un Simoni, poi non mi può leggere la Gamberale o la Avallone o la Premoli.
A questo punto leggetevi Bisotti che facciamo prima (una reunion di biglietti dei baci perugina)!
Bando alle ciance!
Vado avanti con la lettura, a presto!








Nessun commento:

Posta un commento

Post in evidenza

L'isola dei cadaveri: recensione

Recensione scritta per www.thrillernord.it http://thrillernord.it/lisola-dei-cadaveri/ Autore: Ann Cleeves Traduttore: A. D. Alberto ...

Post più popolari