domenica 26 luglio 2015

Il labirinto dei libri segreti




Finalmente ho finito il libro!!!
Si, ho impiegato un "po' "di tempo in più del solito! 
Normalmente impiego di meno se il libro mi piace (soprattutto) o di più se il libro non si rivela "facile" anche se considerato "una lettura estiva" [poca spesa (per il lettore), massima resa (per l'editore) e poca sostanza (per il libro)]!
Con "Il labirinto dei libri segreti" ho impiegato di più per colpa del caldo incredibile che ha posseduto tutto il mese di luglio (e che continua a possederlo per i giorni che restano alla fine del mese)! Un caldo che riesce a squagliare i pensieri che si affacciano timidi nella mente!
Anche il libro non ha proprio aiutato lo scorrimento della lettura!
Più che labirinto (dove il lettore immagina magari, il Minotauro, Arianna, Teseo, il filo) è un miscuglio di epoche e di personaggi.
Protagonista per un bel pezzo è Jim Douglas Morrison (il cantante poeta) e i contorni della sua vita che sono più annebbiati dell'aria di Londra. 
Sarà forse per il forte consumo di droga e alcol (o alcool)?!?
Un po' di certezza, nei confini, la mette Jacqueline Morceau, ma anche lei, poco dopo, si perde nei misteri di Parigi riconducibili a quelli eleusini.
Misteri rituali descritti da Platone (eccone un altro dall'aria annebbiata) come mezzo per raggiungere la conoscenza (che dopo essersi risvegliato dai fumi della droga non conosceva più!).
Molti personaggi si avvicendano tra le pagine del libro che io avrei chiamato "Il Mistero del Vero Libro" cambiandogli anche la copertina e mettendone una più adatta.
Jim Morrison, Oscar Wilde, Maria Walewska, Napoleone (di passaggio), Fryderyk Chopin, Maria Callas, Caterina de'Medici, Nostradamus, Giuliano Imperatore, i Druidi, Efeso, Eleusi, Platone, riti voodoo, riti druidici, riti misterici...
La storia inizia nel passato, ma un passato recente per poi catapultarsi nel presente.
Gli autori giocano a rimpiattino per un po' tra il 1970 e il 2001 (poi subentrano anche altre date meno recenti)!
Verso la fine, la storia, sembra prendere ritmo, ma non è un velocizzare per chiudere, al contrario, è un ritmo che fa salire la suspense per poi concludere lentamente.
Anche se a tratti sembra di immaginare una sorta di Peter Pan misto con Il Signore degli Anelli!
Almeno io ho immaginato questo!
Se solo le copertine e i titoli azzeccassero il senso del libro, sarebbe meglio!
Già lo dissi tempo fa in un articolo che le copertine e i titoli ingannano (ed hanno ingannato me molte volte)!
La copertina de "Il labirinto dei libri segreti" pare più consona per l'economica de "La biblioteca dei morti" di Glenn Cooper (ed. Nord).
Tutto sommato ho raccolto dei pezzi di teorie che si adattano alla realtà quindi non mi è dispiaciuto leggerlo (mi ha rinfrescato le teorie di Platone).





Il mondo è pieno di idee. Il mondo reale, concreto, non quel luogo inaccessibile dove tutte le idee sono fissate per sempre.
"E' qui che sbaglia Platone" , pensò Giuliano, "le idee non sono immutabili, ma cambiano, si arricchiscono, si confrontano, non esistono senza gli uomini."




Trama:


Agosto 2001. Jacqueline Morceau, una giovane pittrice americana, è a Parigi per esporre i suoi quadri. Ma il promettente soggiorno nella ville lumière si trasforma presto in un incubo: davanti ai suoi occhi, sul sagrato della cattedrale di Notre-Dame, uno sconosciuto si toglie la vita. Accusata di omicidio e costretta a nascondersi per sfuggire alla polizia, Jacqueline trova rifugio nel cuore della città, in un'antica casa che sembra nascondere inquietanti segreti. Incalzata dal commissario Danielle Genesse e guidata da strani personaggi - un clochard dall'odore di birra e gelsomino, un cavaliere con un gufo sulla spalla, un uomo quasi cieco che sembra conoscere molte cose - Jacqueline segue le tracce di una verità che si fa sempre più angosciante: quello che è accaduto ha a che fare, in qualche modo, con il suo passato... Un vero e proprio labirinto da percorrere, che la porterà negli angoli più remoti di Parigi, fino al cimitero di Père-Lachaise: quale mistero aleggia sulle tombe dei celebri personaggi lì sepolti? Che cosa lega tra loro le anime di Jim Morrison, Fryderyk Chopin, Oscar Wilde, Maria Callas, Giuliano l'Apostata, Maria Walewska. Allan Kardec, Caterina de' Medici e le oscure profezie di Nostradamus? L'enig ma è custodito in due antichissimi libri. E l'unica chiave per risolverlo potrebbe essere proprio lei, Jacqueline.






Titolo: Il labirinto dei libri segreti
Autore: Paolo Di Reda - Flavia Ermetes
Editore: Newton Compton
Prezzo: 9,90 

Nessun commento:

Posta un commento

Post in evidenza

Final Girls. Le sopravvissute: recensione

Recensione scritta per www.thrillernord.it http://thrillernord.it/final-girls/ Autore: Riley Sager Editore: Giunti Traduttore: Leon...

Post più popolari